lunedì 28 dicembre 2009

Disagi trenitalia; rimborsi straordinari

@@weblog
24 dicembre 2009 17:42
ADICO: disagi trenitalia; rimborsi straordinari

Nel quarto giorno di maltempo che flagellerà anche oggi tutto il Nord Italia, resta alta le tensione e la rabbia dei passeggeri a causa dei disagi e delle cancellazioni dei treni, soprattutto lungo la linea ferroviaria Milano-Bologna con ottocento persone a bordo che sono state assistite dalla Croce Rossa e dalla Protezione Civile.
“E’ di ieri sera la notizia dell’intervento della polizia per impedire a molti di salire sui convogli già stracarichi quando hanno ripreso a circolare i treni” comunicano dalla segreteria dell’ADICO e le critiche ai vertici delle Ferrovie arrivano anche dai macchinisti della storica rivista “ancora In Marcia!” che hanno chiesto scusa ai cittadini “a nome di tutti i ferrovieri”, esprimendo “imbarazzo per l’atteggiamento poco rispettoso, al limite dell’offensivo, tenuto dai vertici aziendali”.
Nella tarda serata di ieri l’amministratore delegato di Fs, Mauro Moretti, ha annunciato che per gli oltre 7.000 passeggeri che hanno deciso di non viaggiare e’ stato predisposto in via straordinaria il rimborso integrale del biglietto; precisando che le Ferrovie “già rimborsano chi rinuncia al viaggio” ricorda il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini.
“Un dietrofront, rispetto alle prime dichiarazioni rilasciate da Trenitalia che aveva subito precisato che gli indennizzi per i ritardi, causati dal maltempo, non sono previsti dalla normativa in vigore” precisa il presidente dell’ADICO forse a causa anche “delle migliaia di telefonate ricevute al numero verde delle Fs e dalle associazioni dei consumatori.
L’Unione Europea, infatti, vieta il rimborso del biglietto ferroviario quando il ritardo o la soppressione dei treni è dovuta a fatti imponderabili come le avverse condizioni meteorologiche; “servirà quindi una deroga al regolamento comunitario per rimborsare anche gli altri passeggeri” conclude Carlo Garofolini.
Sul fronte dell’assistenza, la stretta collaborazione tra il personale di Trenitalia e la Protezione Civile ha permesso, sin dalla notte tra il 19 e il 20 dicembre, giorno di inizio dell’emergenza, di distribuire ai viaggiatori in difficoltà oltre 16.000 kit di generi di conforto e 7.000 coperte. Sono stati garantiti 150 pernotti e centinaia di taxi. In ognuna delle grandi stazioni della rete italiana sono stati messi a disposizione oltre decine di bus per garantire il proseguimento dei collegamenti in caso di interruzione.