giovedì 13 gennaio 2011

Dal 1° gennaio multe più salate per gli automobilisti

Dopo l’aumento dei carburanti, Rc auto, tariffe energia elettrica e gas, pedaggi vari, commissioni bancarie, trasporti, parcheggi, poste, dal 1° gennaio è scattato l'adeguamento biennale delle sanzioni amministrative, previsto dal Codice della strada (art. 195, D.Lgs. n. 285/92) –  facendo registrare un aumento delle multe pari al 2,4%.
A questo ricordiamo anche il decreto ministeriale del 22 dicembre scorso che stabilisce:
Parcheggio sul marciapiede. In particolare, gli automobilisti che parcheggiano la vettura sul marciapiede rischiano una multa compresa fra 80 e 318 euro, anziché fra 78 e 311 euro.
Cellulare alla guida. Alla stessa stregua, chi usa il telefono cellulare alla guida, potrà incorrere in una sanzione compresa fra 152 e 608 euro, anziché da 148 a 594 euro.
L'adeguamento può essere applicato solo alle sanzioni rimaste invariate per tutto il biennio precedente –  quindi, restano escluse dall'applicazione le sanzioni nel frattempo inasprite; mentre, rimangono invariate quelle pecuniarie applicate alla «circolazione vietata per smog, all'apposizione di segnali abusivi, al commercio di pezzi non omologati, all'uso di veicoli già sospesi dalla circolazione per mancata revisione, all'uso di motorini truccati o con targa non visibile, al rilascio di patente a soggetti privi dei necessari requisiti morali, all'eccesso di velocità dai 40 Km orari in su, al divieto di fermata o sosta per ciclomotori e moto a due ruote, alla violazione dei tempi di guida o di riposo obbligatori per gli autisti di mezzi pesanti, alla guida con ebbrezza lieve» (tasso alcolemico compreso fra 0,51 a e 0,80 g/l).