mercoledì 25 novembre 2009

Aumenta il popolo dei senza lavoro

@@weblog
24 novembre 2009 21:03
ADICO: aumenta il popolo dei senza lavoro

I danni da recessione sono pesanti. “Mentre dalla finanza arrivano deboli segnali di ripresa, i posti di lavoro continuano a sparire” denuncia il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini.
Nella sua 21ma edizione il rapporto sull’occupazione in Europa, elaborato dalla Commissione Ue, rivela che a metà 2009 sono stati persi qualcosa come 4,3 milioni di posti rispetto allo stesso periodo del 2008, con forti perdite nell’industria e nelle costruzioni.
“Tutti i paesi membri dell’Ue hanno pagato un pesante pedaggio. A conti fatti a settembre scorso il tasso di disoccupazione Ue è arrivato al 9,2% con una crescita del 2,5% rispetto ai dati di un anno prima, portando il totale dei senza lavoro alla cifra pesantissima di 22,1 milioni di persone senza impiego, con una crescita di qualcosa come 6,1 milioni di persone” fanno sapere dalla segreteria dell’ADICO.
Il rapporto sottolinea che se da una parte l’aumento dei senza lavoro ha colpito tutti i paesi, in alcuni i fenomeno è stato particolarmente pesante, raddoppiando in Irlanda e Spagna, triplicando addirittura nei Paesi Baltici. Dall’altra ci sono paesi come Austria e Olanda dove il fenomeno è stato decisamente contenuto.
A pagare la crisi, spiega l’Ue, gli uomini più delle donne, non facendo altro che riflettere settori dove la presenza maschile è decisamente più alta. Molto colpiti i giovani, le persone con un basso profilo professionale, gli immigrati o ancora quelli con contratti a tempo determinato, che di solito sono quelli più esposti alle variazioni del mercato del lavoro.