venerdì 6 novembre 2009

La Bce lascia invariati i tassi all'1%

@@weblog
6 novembre 2009 07:26
La Bce lascia invariati i tassi all'1%

Per il sesto mese consecutivo la Banca centrale Europea ha lasciato i tassi d’interesse invariati, ancorandoli così dallo scorso maggio all’1%. Fermi anche il tasso marginale all’1,75% e allo 0,25% quello che l’istituto di Francoforte pratica sui depositi di breve termine che detiene per conto delle banche commerciali.
La scelta del Consiglio direttivo della Bce di non mettere mano alla politica monetaria, ricalca così quella Federal Riserve che ha confermato i tassi ad un livello vicino allo zero.
“Il costo del denaro in Eurolandia resta così al livello più basso nella storia decennale dell’euro. L’attuale minimo dovrebbe essere mantenuto fino alla seconda parte del 2010 o almeno fino a quando la ripresa non si sarà consolidata e il credito risollevato dalla peggiore crisi dopo il 1929” spiega il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini.
Ma non mancano i problemi, proprio oggi Eurostat ha riferito di un nuovo calo dei consumi a settembre, mentre permangono ombre sul mercato del lavoro, dove sono attesi nuovi aumenti della disoccupazione.
“Va ricordato che la politica monetaria europea ha effetti concreti sulla famiglie italiane; positivi per coloro che ogni mese per esempio sono alle prese con le rate del mutuo a tasso variabile, l costo del denaro all’1% fa restare bassi i pagamenti; negativi per chi avesse deciso di parcheggiare il proprio denaro in titoli di Stato o in conti di deposito ad alto rendimento; come ad esempio i BoT con il rendimento al netto delle commissioni pari allo 0,16%”, conclude il presidente dell’ADICO.