venerdì 26 marzo 2010

Crollano le vendite dei prodotti alimentari

“Le vendite al dettaglio dei prodotti alimentari a gennaio sono calate dell'1% rispetto a dicembre e del 3,3% rispetto allo stesso periodo del 2009”
Lo rileva l’Istat precisando anche che il dato congiunturale è il peggiore da aprile 2007 mentre quello tendenziale è il peggiore dal marzo 2009, quando segnò il -5,2%. Nel complesso le vendite al dettaglio a gennaio sono diminuite dello 0,5% rispetto a dicembre e del 2,6% rispetto a gennaio 2009.
Rispetto a gennaio 2009 le vendite alimentari risultano essere diminuite del 3,3% mentre quelle dei prodotti non alimentari del 2,3%. Il calo tendenziale è stato forte soprattutto nelle imprese della grande distribuzione (-3,1%) mentre le imprese operanti su piccole superfici hanno segnato un -2,2% su gennaio.
Nell'alimentare gli ipermercati e i supermercati hanno perso il 3% del fatturato mentre i discount alimentare hanno segnato un -2,9%. Sul calo complessivo del 2,6% delle vendite a gennaio lo hanno registrato anche i prodotti farmaceutici (-4,2%) ed informatici (-4,3%). Reggono il settore dell'abbigliamento e delle calzature (-1,2%) ed il settore dei giocattoli, sport e campeggio (-0,9%).
“La crisi economica ha contribuito non solo a svuotare il carrello della spesa ma a modificarlo; il consumatore costretto a tirare la cinghia fa ricorso alle promozioni e agli acquisti effettuati presso i canali più convenienti” fanno sapere dall’ADICO