sabato 27 marzo 2010

Ancora poca trasparenza nei rapporti tra consumatori e banche

Quando si è indispettiti con la banca o con gli intermediari finanziari perché si ritiene di aver subito un torto o di essere stati oggetto di un comportamento scorretto, si hanno diverse strada da percorrere quali il mediatore civile, l’Arbitro bancario finanziario, l’Ufficio reclami presente in ogni istituto bancario” fanno sapere dall’ADICO.
E’ chiaro che “avere più chance per rifarsi con le banche, dimostra anche quanto siano pessimi i rapporti degli istituti con i propri clienti” dichiara il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini.
Secondo i dati evidenziati nel suo intervento all’Abi, vice direttore della Banca d’Italia, Anna Maria Tarantola. solo nel 2009 Bankitalia ha ricevuto circa 7.500 esposti, quasi il doppio rispetto a un anno prima e che nella maggior parte dei casi hanno riguardato le condizioni economiche dei conti correnti, soprattutto per l’applicazione delle commissioni su affidamenti e sconfinamenti e massimo scoperto, nonostante i recenti interventi del legislatore.
Normative che – ha sottolineato quindi Tarantola – “continuano, in non pochi casi, ad essere applicate in modo formale, senza il necessario convincimento”. Sono, infatti, “significativi i casi di non piena osservanza della disciplina, che hanno determinato l’irrogazione da parte delle Banca d’Italia di sanzioni pecuniarie, l’invio di lettere di richiamo, la sospensione dell’effettuazione di talune operazioni, la richiesta di restituzione di somme impropriamente percepite”.
Una situazione che ha, quindi, spinto Bankitalia a richiedere “un cambiamento sostanziale perché lo sollecitano il mercato e i consumatori, che spesso lamentano una scarsa qualità delle relazioni con le banche, e perché lo richiede l’Autorità di vigilanza”.