venerdì 19 marzo 2010

Varata la nuova norma che salvaguarda il "Made in Italy"

“Approvata in via definitiva la norma che tutela il vero Made in Italy nei settori pelletteria, calzaturiero e tessile” fanno sapere dall’ADICO.
Una norma – spiega il presidente dell’ ADICO, Carlo Garofolini – che dovrebbe arginare la pratica diffusa da molti anni, di mettere il marchio italiani a prodotti che sono stati fatti interamente all'estero, danneggiando due volte il nostro paese.
La nuova disposizione, votata all’unanimità in commissione Attività Produttive della Camera, dovrebbe essere attiva dal primo ottobre 2010 e prevede che per utilizzare il marchio “prodotto Made in Italy” almeno due delle quattro fasi di lavorazione debbano essere realizzate in Italia, mentre per le restanti fasi l'obbligo di indicare il paese di provenienza.
L'obiettivo, spiega il presidente dell’ADICO è “voler rendere il consumatore più consapevole di quello che compra e salvaguardare le aziende che operano in Italia”.
Mi auguro, conclude nella nota Carlo Garofolini “che questo provvedimento risulti essere compatibile con i principi della concorrenza affinché l’Unione Europea possa condividerlo”.