sabato 3 aprile 2010

Sempre più gettonata la "locazione breve" per le vacanze

Il Ponte di Pasqua sta per iniziare e tra i molti che si allontaneranno in questi giorni molti prenderanno una casa in affitto. “L’utilizzo della locazione breve, quale formula alternativa alla vacanza in alberghi o altre strutture ricettive, risulta infatti sempre più gettonata” fanno sapere dall’ADICO.
Una tendenza – spiega il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini – destinata a crescere alimentata dalla maggiore economicità di questa forma di soggiorno, fattore particolarmente apprezzato in un periodo di crisi.
Quando si parla di case, affitti e contratti per prevenire discussioni e scongiurare possibili controversie legali l’ADICO suggerisce di utilizzare la formula del contratto week-end.
Si tratta, di uno specifico modello studiato per regolare le locazioni turistiche brevi assoggettate alla disciplina del Codice civile che consente di dare in locazione un immobile per due o tre giorni poiché nell’oggetto è presente la specifica menzione della finalità turistica del conduttore.
Nel contratto sono altresì fissate tutte le pattuizioni quali, per esempio, l’entità del canone e delle spese relative ad acqua, luce e gas.
Inoltre, sottoscrivendo il documento, il conduttore diventa anche consapevole che l’appartamento è sprovvisto di biancheria e che deve provvedere al riassetto quotidiano dell’abitazione.