giovedì 12 novembre 2009

Sono il 26% le famiglie indebitate

@@weblog
12 novembre 2009 08:50
Sono il 26% le famiglie indebitate

Le famiglie italiane che hanno contratto un finanziamento rappresentano circa il 26% con un valore medio del debito per famiglia di circa 10 mila euro. Con un boom nel 2008 del credito passato al 61%, contro il precedente 55%.
E’ una fotografia dalla tinte chiaro-scure quella scattata dal direttore generale dell’Associazione bancaria italiana, Giovanni Sabatini, nel corso di un’audizione alla commissione Finanze della Camera sul credito al consumo.
“Ma la comparazione di questi dati non può far emergere uno spaccato reale, dal momento che solo negli ultimi anni nel BelPaese e’ iniziata la corsa all’indebitamento, al contrario di quanto accaduto nel resto d’Europa” spiega il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini.
“Analizzando, i dati si scopre che il fenomeno del credito al consumo ha registrato in questo decennio una tendenza in costante crescita passando da circa 46 miliardi di euro di fine 2002 a oltre 109 miliardi a giugno 2009, con una crescita pari a +137%” fanno notare dalla segreteria dell’ADICO.
Ma il motivo principale dell’indebitamento resta uno: l’acquisto di casa. Dei 382,1 miliardi di euro erogati fino allo scorso agosto, il 62,8% e’ stato destinato ai mutui, per un ammontare delle consistenze pari a circa 239,9 miliardi di euro. Segue il 10,3% rivolto ai prestiti personali (39,4 miliardi di euro), l’11,2% all’acquisto di beni come l’auto o gli elettrodomestici per circa 42,7 miliardi di euro, il 2,6% e’ poi costituito dalla cessione del quinto dello stipendio o pensione, (9,8 miliardi di euro), il 4,6% dalle carte di credito revolving (per circa 17,5 miliardi di euro) e l’8,6% da altri prestiti.
“Una corsa, quella dell’indebitamento, che rischia tuttavia di trasformarsi in un boomerang se non supportata da una buona dose di cultura finanziaria” avverte il presidente dell’ ADICO.