martedì 16 marzo 2010

Sconsigliati gli occhiali 3D per i bambini

“Gli occhiali 3D al cinema non sono indicati per i più piccoli” fanno sapere dal Consiglio Superiore di Sanità, che in un parere formulato il 2 marzo ha proposto il divieto per i bambini sotto i 6 anni, oltre a stabilire un intervallo più lungo tra primo e secondo tempo e a chiedere il divieto anche per gli occhiali non monouso.
Sono molti i cittadini che hanno segnalato agli uffici dell’ADICO alcuni strani sintomi seguiti alla visione dei film in 3D: nausea, stanchezza agli occhi, effetto mal di mare, e simili.
”Molti occhiali in questione, forniti in molte sale cinematografiche, risultano “Made in China” e non presentano il marchio CE” fanno sapere dall’ADICO.
Il marchio CE, spiega il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini “attesta la conformità del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza, fissati dalle disposizioni comunitarie. L’assenza del rischio di un pericolo grave per i consumatori”.
Infine, la denuncia di alcuni consumatori che hanno segnalato anche che “in alcuni cinema gli occhiali vengono prestati agli spettatori, che devono riconsegnarli al termine della visione. Ciò implica che uno stesso occhiale viene utilizzato più volte da una moltitudine di soggetti, con conseguenze per l’igiene che è facile immaginare”.